TRIBUNALE

Mafia, confiscati beni a presunto boss di Montedoro

di

CALTANISSETTA. Scacco matto ai beni del boss di Montedoro. Così lo ha etichettato la Dia nel momento in cui, due anni e mezzo fa, ha eseguito il decreto di sequestro emesso dal Tribunale di Caltanissetta. Ora è scattata la confisca.

La scure della giustizia s’è abbattuta sul sessantottenne di Montedoro, Nicolò Falcone (assistito dagli avvocati Antonio Impellizzeri e Diego Guadagnino) ritenuto dagli inquirenti rappresentante della famiglia di Cosa nostra di Montedoro. Perde un tesoro da un milione e mezzo di euro condiviso con la moglie, Anna Di Raimondo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X