POLIZIA E GDF

Maxi confisca di beni a un odontoiatra di Niscemi

di

NISCEMI. Maxiconfisca di beni a un noto professionista di Niscemi sospettato di essere un affiliato di Cosa nostra. Ad essere colpito dal provvedimento di confisca è Giuseppe Amedeo Arcerito, 64 anni, medico odontoiatra con studio professionale nel centro abitato cittadino. Lui si è sempre difeso sostenendo che il patrimonio accumulato è frutto del suo lavoro e di quello della sua famiglia.

A portare a termine l’operazione sono state Polizia di Stato e Guardia di finanza di Caltanissetta, che hanno provveduto a confiscare definitivamente beni per un valore di oltre cinque milioni di euro. Un patrimonio molto consistente che è ritenuto tutto riconducibili al medico niscemese, anche se parte risulta intestato alla sorella e al cognato.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X