LA PROCURA

L’operaio morto a Gela, aperte due inchieste

di

GELA. All’indomani dell’ennesimo incidente sul lavoro in cui ha perso la vita un operaio di 44 anni di Gela, Rocco Massimo Iacona, i sindacati tornano a chiedere più sicurezza e controlli sui luoghi di lavoro. Ma quel che resta, è una famiglia distrutta. Una madre che piange il figlio, un figlio di 22 anni, Salvatore, che piange il padre e una compagna che si dispera per quell’uomo della sua vita che non c’è più. I colleghi di lavoro di Iacona si chiedono se quella tragedia poteva essere evitata.

Ma oramai rimangono solo tanti interrogativi mentre i carabinieri del Reparto territoriale e la Procura indagano per accertare l’esatta dinamica di quanto è successo sabato mattina in quella discarica. Aperte due inchieste. Una è nelle mani dei magistrati della Procura di Gela che indagano per omicidio colposo per accertare eventuali responsabilità e l’altra è invece condotta dall’ispettorato del lavoro.+

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X