TRIBUNALE

L’omicidio di Riesi, carcere a vita per il padre

di

RIESI. È nel silenzio più assoluto, in un’atmosfera irreale, che Corte ha emesso il suo verdetto: ergastolo. Tra l’impassibilità dell’imputato e gli abbracci e le lacrime dei familiari di vittima e carnefice.

Un pronunciamento che ha marchiato un imprenditore come figlicida. Un sigillo pesantissimo che, tuttavia, non ha segnato alcun confine tra vinti e vincitori. Perché non ve ne sono.

Lui, il padre, il sessantaseienne di Riesi, Stefano Di Francesco (avvocati Michele Micalizzi e Giampiero Russo) per i giudici dovrà trascorre il resto della sua vita dietro le sbarre. Certo il verdetto non è definitivo. E il dramma della stessa famiglia è ancor più amaro per la morte del loro ragazzo, il trentunenne Piero Di Francesco che, per i magistrati, sarebbe caduto proprio per mano del genitore.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X