CARABINIERI

Tenta di fuggire dopo una perquisizione a casa, un arresto a Gela

di

GELA. I carabinieri gli perquisiscono la casa a caccia di droga e lui tenta la fuga gettandosi dal balcone della sua abitazione. Nicolò Vinciguerra, però, non aveva fatto bene i suoi calcoli: è finito fra le braccia dei militari dell’Arma, che presidiavano l’edificio. È successo a Gela, dove il ventidue anni è ritenuto un «personaggio noto» alle forze dell’ordine, nonostante l’età, proprio per i suoi trascorsi è stato oggetto di una perquisizione da parte del Reparto territoriale dell’Arma di Gela, in contrada Carrubbazza.

Nicolò Vinciguerra, gelese già da tempo era sotto controllo. I carabinieri da qualche settimana monitoravano i suoi movimenti perché fortemente sospettato di essere un presunto pusher. E in realtà i militari non si sbagliavano. Dopo alcuni pedinamenti e servizi di osservazione, i militari dell’Arma hanno deciso di fare irruzione nell’appartamento del giovane.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X