IL CASO

Redentore al buio a Caltanissetta, appello per salvare la festa

di

Quando le ferie erano un lusso per pochi la festa del Redentore, il 6 agosto, era l’appuntamento estivo più atteso dai nisseni.

La tradizione voleva che si saliva lassù al colle partecipare alla veglia della vigilia assistere alla messa e poi abbondanti scorpacciate a base di angurie e panini, qualche bicchiere di vino e gassosa la bevanda principe.

Di questi tempi felici rimane solo un pallido ricordo, la tradizione resiste ma con ben altro spirito e senza la veglia notturna.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X