L'INIZIATIVA

Una sede del Banco alimentare a Gela, siglato l'accordo

Siglato a Gela un accordo per l’istituzione di una sede del Banco alimentare. La convenzione è stata sottoscritta fra il comune, la Fondazione Banco Alimentare, il Banco alimentare della Sicilia Onlus ed Eni tramite le sue controllate Enimed, raffineria di Gela e Syndial.

L'iniziativa mira allo sviluppo di un progetto territoriale che risponda ai bisogni alimentari delle fasce più deboli della popolazione gelese.

Dai dati in possesso dell’assessorato comunale ai Servizi sociali, emerge che a Gela le persone bisognose siano 6 mila, con un aumento del 10 per cento rispetto al 2016. Il Banco alimentare, una volta che le derrate arriveranno a Gela, le distribuirà alle 12 associazioni caritatevoli presenti sul territorio.

La sede in cui la struttura sorgerà, è quella dell’ex mattatoio comunale. Verrà ristrutturata da Eni che ha messo a disposizione 250 mila euro e sarà operativa nei primi mesi del prossimo anno. L’iniziativa è stata illustrata nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il sindaco di Gela, Domenico Messinese, il presidente della Fondazione nazionale banco alimentare, Andrea Giussani e il presidente della Raffineria Eni di Gela, Maurizio Mazzei.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X