stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Caltanissetta, è giallo sulla morte di un pensionato a cui era stato somministrato il vaccino antinfluenzale
IL CASO

Caltanissetta, è giallo sulla morte di un pensionato a cui era stato somministrato il vaccino antinfluenzale

di
I familiari hanno presentato un esposto alla polizia giudiziaria, sostenendo che da circa due settimane, da quando il medico di famiglia gli aveva somministrato il vaccino antinfluenzale, accusava dolori e in particolare un irrigidimento del collo

CALTANISSETTA. A Caltanissetta, è giallo sulla morte di un pensionato, morto improvvisamente dopo aver effettuata una risonanza magnetica. L’uomo, è deceduto intorno alle 3 di notte, al Pronto Soccorso del Sant’Elia. I familiari hanno presentato un esposto alla polizia giudiziaria, sostenendo che da circa due settimane, da quando il medico di famiglia gli aveva somministrato il vaccino antinfluenzale, accusava dolori e in particolare un irrigidimento del collo. L’anziano, era stato ricoverato giovedì scorso intorno alle 20 per una febbre che durava da diversi giorni. La salma è attualmente nell'obitorio dell'ospedale, in attesa che la Procura valuti se effettuare l'autopsia. Bisognerà stabilire se la causa del decesso sia legata proprio alla somministrazione del vaccino.

Nei giorni scorsi in tutta la Sicilia c'è stato un vero e proprio allarme legato ai vaccini. L’Aifa, l’Agenzia italiana per il farmaco, ha vietato l’uso di due lotti del siero Fluad della Novartis. Il vaccino è uno tra quelli acquistati dalla Asp siciliane. E adesso ciascuna azienda sanitaria dovrà verificare se tra i medicinali acquistati ci sono quelli di questi lotti. La decisione dell’Aifa è arrivata a seguito delle segnalazioni di «eventi avversi gravi o fatali – si legge in una nota dell’agenzia - verificatisi in concomitanza con la somministrazione di dosi provenienti dai due lotti 142701 e 143301 del vaccino antinfluenzale Fluad della Novartis è disposto, a titolo esclusivamente cautelativo, il divieto di utilizzo di tali lotti”. La scelta dell’Aifa è legata ad alcuni sospetti decessi che “si sono verificati – specifica l'Aifa - entro le 48 ore dalla somministrazione delle dosi dei due lotti”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X