stampa
Dimensione testo
GELA

Vanta un credito da un milione e la sua impresa fallisce: in sciopero della fame a Roma

di
Protesta dell'imprenditore Emilio Missuto nella Capitale. Non ha pagato tasse per 37 mila euro nonostante aspetti questo grosso pagamento da un Comune in Sardegna

GELA. Da Gela si sposta a Roma la protesta di un imprenditore gelese Emilio Missuto, 40 anni, la cui azienda è stata dichiarata fallita per il mancato pagamento di contributi e tasse per 37 mila euro, nonostante Missuto vanti un credito dal Comune di Carbonia, in Sardegna, per 1 milione di euro per lavori pubblici già realizzati, fatturati ma mai liquidati e oggi al centro di un lungo contenzioso.

L’imprenditore gelese, ha iniziato il suo sciopero della fame 71 giorni fa e ad oggi ha perso 27 chili. Per oltre due mesi, ha stazionato in segno di protesta, in un piazzale antistante il Tribunale di Gela. Da questa mattina, si trova a Roma in via del Mazzarino, angolo via XXIV maggio nei pressi del Quirinale. “Spero – ha detto Missuto - di non essere costretto a fare anche lo sciopero della sete. Voglio certezze”. L’imprenditore chiede di parlare con il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X