stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Caltanissetta, crescono i tumori e calano le donazioni di sangue
VOLONTARIATO

Caltanissetta, crescono i tumori e calano le donazioni di sangue

di
Crescono le donazioni ma non sono sufficienti al fabbisogno perché sono aumentate a dismisura le richieste da parte degli ammalati oncologici

CALTANISSETTA. L'obiettivo dell'autosufficienza era stato raggiunto sul finire del 2014 quando richieste e donazioni quasi erano riuscite a bilanciarsi. In pochi mesi la situazione si è nuovamente capovolta. Se, da una parte, cresce il numero dei donatori dall'altra è in aumento il numero dei malati oncologici. In crescita leucemie e mielomi, soprattutto nella zona nord della provincia, malattie che richiedono trasfusioni frequenti e il sangue raccolto riesce a malapena a soddisfare i fabbisogni del plesso ospedaliero dove converge l'utenza di una grossa fetta dell'ennese e di Canicattì. I numeri nella loro drammatica carenza parlano chiaro: il fabbisogno è stimato in seimilacinquecento sacche l'anno, la raccolta sfiora cinquemilaseicento unità. «ABZero» è un'associazione nata qualche anno fa operante all'interno dell'ospedale «Raimondi» e che già vanta un numero considerevole di soci. Alto è anche il numero delle donazioni (1100 nel 2014) ma il movimento, così come la Fidas, si è trovato a fronteggiare richieste pressochè raddoppiate rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno. «Da dicembre - ha detto Tatiana Amico di ABZero - almeno una volta al mese ci arrivano dal Sant'Elia richieste di piastrine e sangue intero per la cura degli ammalati oncologici che comunque riusciamo a soddisfare».

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X