stampa
Dimensione testo
ALLARME SICUREZZA

Nove auto incendiate in una notte: più controlli a Gela

di

GELA. Ad entrare in azione a Gela la notte fra domenica e lunedì, durante la quale sono state incendiate nove auto, non è stata la criminalità organizzata ma si sarebbe trattato di micro-criminalità. Ad affermarlo è stato il prefetto Maria Teresa Cucinotta rispondendo alle domande di alcuni cronisti a margine di una riunione, convocata in seduta straordinaria e urgente, del Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico.  “A Gela, sin da oggi, sarà incrementata la presenza delle forze dell’ordine che controlleranno il territorio in sinergia con la polizia municipale”.

“E’ la risposta che ci attendevamo dallo Stato”, ha replicato il sindaco Angelo Fasulo che è tornato a lanciare un appello ai cittadini affinchè collaborino con magistratura e forze di polizia.

Intanto gli inquirenti sono al lavoro per tentare di risalire agli autori dei tre diversi attentati incendiari verificatisi in città nell’arco di un’ora. Pare che ad entrare in azione, in via Palazzi, dove si è verificato il rogo più grave, siano stati in tre. E’ quanto emergerebbe dalle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza di cui sono dotate due banche che si trovano a pochi passi dal luogo dell’incendio.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X