stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Medicina a Gela, in servizio di notte solo infermieri
SANITA'

Medicina a Gela, in servizio di notte solo infermieri

di
Da oggi «cancellato» il turno del medico: sarà reperibile solo per le emergenze ma non stazionerà in ospedale. I sindacati già su piede di guerra

GELA. Sospeso il servizio notturna di guardia attiva nell’unità operativa di Medicina. Da stasera ci saranno solo gli infermieri ad assistere i 24 pazienti ricoverati presso il reparto al primo piano del presidio ospedaliero “Vittorio Emanuele”. I camici bianchi garantiranno la reperibilità, ma solo per le emergenze. In tutte le altre circostanze, dalle 20 alle 8 del mattino, toccherà al personale infermieristico monitorare i pazienti nell’unità operativa diretta da Vincenzo Catania dove l’incidenza dei decessi è particolarmente elevata. Dal 9 maggio sono morti tre pazienti ricoverati in Medicina. Un uomo e due donne. Tutti pensionati. Spesso, però, si tratta di soggetti provenienti da altri servizi ospedalieri che non garantiscono il ricovero notturno come l’Oncologia e la Nefrologia. Patologie che richiederebbero un particolare monitoraggio per la gravità.

Il provvedimento di sospensione della guardia attiva nelle ore notturne sarebbe legato alla carenza del personale in organico. I medici dell’unità operativa diretta da Catania da cinque mesi lottano, inutilmente, per ottenere l’aumento del personale indispensabile a garantire i livelli minimi assistenziali, i turni di riposo e delle ferie previste nel contratto collettivo nazionale.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X