stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Furto di ferro a Gela, in due finiscono in cella
CARABINIERI

Furto di ferro a Gela, in due finiscono in cella

GELA. La sera dormiva in carcere e durante il giorno si dedicava ai furti di ferro, beneficiando del permesso giornaliero per poter andare a lavorare. A mettere la parola fine all’azione illecita avviata dal pregiudicato trentanovenne Alessandro Piscopo sono stati i carabinieri del locale reparto territoriale di via Venezia.  I militari dell’arma l’hanno sorpreso in flagranza di reato, mentre, in compagnia del fratello Vincenzo Piscopo di 34 anni, rubavano materiale ferroso.

Erano riusciti a intercettare e caricare circa 800 chilogrammi di ferro, tra viti e bulloni, smantellando un tratto di binari dalla sede ferroviaria di contrada Mangiova, in territorio di Butera. Entrambi i ladri sono noti alle forze dell’ordine per avere commesso altri reati di furto pluriaggravato in concorso. I carabinieri della sezione radiomobile di Gela sono entrati in azione ieri mattina, durante un mirato servizio di controllo del territorio atto a scoraggiare i ladri autori di numerosi furti nelle campagne.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X