CALTANISSETTA

Morì in sala operatoria, medico condannato a risarcire i familiari

di
È su appello delle parti civili che l’anestesista Federico Zarcone, già assolto, è tornato in aula ma per le sole statuizioni civili

CALTANISSETTA. Medico condannato a risarcire i familiari della vittima di un presunto caso di malasanità. Lo ha stabilito ieri la corte d’Appello che ha riformato la precedente sentenza con con cui l’anestesista Federico Zarcone (difeso dagli avvocati Marzia Maniscalco e Calogero Noto Millefiori) era stato assolto per omicidio colposo. E il primo verdetto, sotto il profilo penale, è divenuta definitivo perché non appellato dalla procura. Ma sono stati i familiari della vittima, l’ex calciatore Giuseppe Donzella (assistiti dagli avvocati Pietro Sorce e Roberta Donzella), ad impugnare quel pronunciamento. Così da ritrascinare il aula il professionista ma per le sole statuizioni civili.

E ieri la corte d’Appello presieduta da Salvatore Cardinale (consiglieri Giovanni Carlo Tomaselli e Miriam D’Amore) ha riformato il precedente pronunciamento condannando il medico al pagamento dei danni, la cui entità sarà poi stabilita dal giudice civile. Il sostituto pg, Fernando Asaro, ha proposto la conferma del precedente verdetto.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X