stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sequestrata e violentata a Caltanissetta, altri due finiti in cella
STUDENTESSA RAPITA

Sequestrata e violentata a Caltanissetta, altri due finiti in cella

di

CALTANISSETTA. Altri due arresti dei carabinieri per la sospetta storia choc vissuta da una studentessa universitaria. Pure loro nigeriani come gli altri cinque presunti aguzzini finiti al «Malaspina» ventiquattr’ore prima perché accusati di avere sequestrato, drogato, violentato e fatto prostituire una ventenne. Per un incubo lungo cinque giorni.

I nuovi fermi sono scattati per il trentaseienne Testimore Osayande Prince e il trentenne Abdulaye Maar (assistiti, rispettivamente, dagli avvocati Giovanni Annaloro e Michele Russotto). Uno, secondo l’impianto accusatorio, sarebbe stato tra i sequestratori, l’altro uno dei clienti con cui i carcerieri della ragazza l’avrebbero costretta a prostituirsi. I nomi dei due sono andati ad aggiungersi a quelli di cinque loro connazionali, Lucky Okosodo di 23 anni, Amaize Twhoi Ojeomkhhi, 27 anni, Majesty Wibo di 31, Lawrence Ko Oboh di 40 anni e Cross Agbai di 34 (tutti difesi dall’avvocato Russotto) che sarebbe il locatario della casa di via Mussomeli in cui la studentessa sarebbe stata tenuta prigioniera e continuamente drogata per essere stuprata e poi costretta a concedersi a clienti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X