stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca San Cataldo, spari in casa al vicino: resta in carcere
TRIBUNALE DEL RIESAME

San Cataldo, spari in casa al vicino: resta in carcere

di

SAN CATALDO. Resta inchiodato in carcere. Niente libertà al sancataldese arrestato alla vigilia di capodanno per avere fatto fuoco contro l’abitazione dei vicini. Con i proiettili che hanno trapassato la porta conficcandosi in casa. Era e rimane in cella il sessantunenne Emilio Intilla. Così ha disposto il tribunale del riesame presieduto da Mario Amato (completano il Collegio i giudici Antonia Leone e Salvatore Palmeri) che ha rigettato la richiesta di revoca dell’ordinanza di custodia cautelare o, in subordine, la detenzione domiciliare.

Il «no» dei giudici ha gelato le attese del sancataldese, mentre il figlio (pure lui assistito dall’avvocato Torquato Tasso) più di un mese fa s’è visto concedere la libertà. Certo la posizione del padre è notevolmente più pesante. Perché su lui gravano le ipotesi di tentato omicidio, danneggiamento aggravato, porto e detenzione illegale di armi. Mentre al figlio, lo stesso sostituto procuratore Claudia Pasciuti ha contestato la sola accusa di detenzione abusiva di arma.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X