stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Caltanissetta, pizzo e usura: in quattro alla sbarra
TRIBUNALE

Caltanissetta, pizzo e usura: in quattro alla sbarra

di

CALTANISSETTA. È di estorsione, truffa e usura aggravati in concorso, falso materiale e ideologico, sostituzione di persona, falsità materiale commessa da privato, contraffazione d'impronte, violenza o minaccia per costringere a commettere un reato, che a vario titolo dovranno rispondere.

Questo l’ampio ventaglio di contestazioni che pende su quattro imputati finiti al centro di una tranche di un’indagine dei carabinieri a più ampio respiro e che s’è sviluppata in più tappe. In questa sono rimasti coinvolti due fratelli, un autosalonista del Palermitano e un imprenditore che da vittima, secondo la tesi accusatoria, si sarebbe trasformato in partecipe.

Sul banco degli imputati vanno i fratelli Michele e Calogero Giarratana, Salvatore Lo Re e Francesco Marchese (difesi dagli avvocati Mariangela Randazzo, Danilo Tipo e Carmelo Lombardo) che vanno al cospetto del tribunale presieduto da Antonio Napoli (giudici a latere Claudio Emanuele Bencivinni e Alex Costanza) mentre a rappresentare l’accusa in dibattimento sarà il pubblico ministero Claudia Pasciuti. Lo Re, peraltro, sarà in dibattimento nella doppia veste d’imputato ma parte civile al tempo stesso.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X