CARABINIERI

Riesi, ladro seriale inguaiato da tracce del dna

di

RIESI. Altra condanna per un sospetto «ladro seriale» scoperto dai carabinieri del Ris attraverso il dna. Un giovane di Riesi che nonostante la "verde" età di processi per furti in abitazione ne ha già subiti più di cinque, passando tra verdetti di colpevolezza e qualche assoluzione, ma altri procedimenti ancora a suo carico sono in itinere.
È stato pure accusato, in passato, di avere rubato in casa del boss della stidda riesina, Francesco Annaloro, ma poi ne è uscito assolto dopo aver pure restituito la banconota da cinquanta euro presa dalla borsa della moglie del capomafia.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X