stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il clan niscemese su Acate e Vittoria
MAFIA

Il clan niscemese su Acate e Vittoria

di

NISCEMI. «Stanno bruciando una serra... se potete venire subito. Qua alla Picozza, ad Acate...è un’azienda agricola, un vivaio. Se potete mandarla urgentemente una squadra. Se è una cosa veloce, o qua s’addumano tutti i serri». La voce al centralino dei vigili del fuoco ragusani è quella di un testimone di un incendio. Ha visto le fiamme e teme che quel rogo possa propagarsi.

Uno dei tanti appiccati nelle campagne fra Vittoria ed Acate, nel Ragusano, da parte del gruppo di Cosa nostra di Niscemi che in quell’area, secondo gli investigatori avrebbe esteso in maniera pesante l’influenza della cosca Madonia per imporre guardianie nelle aziende, un «pizzo» pagato con assunzioni imposte per evitare danni alle aziende.

Dei sette arrestati la scorsa notte per il blitz «Guardian» uno Sebastiano Montalto si trova rinchiuso nel carcere di Augusta e due (Francesco Amato e Salvatore Di Pasquale) erano agli arresti domiciliari. Con Damiano Rizzo, Giacomo Cultraro, Giuseppe Ferrera e Giuseppe Pisano sono stati bloccati mentre facevano rientro dal posto di lavoro. Tutti gli arrestati, ad eccezione di Amato che è vittoriese, sono di Niscemi.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X