stampa
Dimensione testo
TRIBUNALE

Scagionati medici del Sant'Elia per la morte di un'automobilista di Naro

di

CALTANISSETTA. Cadono le originarie accuse di omicidio colposo per un drappello di medici dell'ospedale di Caltanissetta. Condannato soltanto un camionista. Questo, in sintesi, il verdetto emesso dal giudice per i dodici finiti sotto accusa. Per una imputazione legata al decesso di un automobilista - il cinquantottenne di Naro, Giuseppe Cavaleri - vittima sette anni fa di un incidente stradale lungo la statale 640. Il suo cuore s'è fermato undici giorni dopo.

Assolti, ieri, i medici rianimatori del "Sant'Elia" di Caltanissetta, Francesco Raia, Carmelo Angelone, Rosalba Parla, Giuseppe Manta, Cataldo Naro, Rita D'Ippolito, Concetta Cardamone e Salvatore Ferrigno, (difesi dagli avvocati Michele Micalizzi e Francesco Augello) ed i neurochirurghi dello stesso ospedale, Giovanni Cinquemani, Nicola Alberio e Antonio Morabito (difesi dall'avvocato Giacomo Butera). Nei loro confronti il giudice Antonio Napoli ha motivato al decisione "per non avere commesso il fatto".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X