stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Delitto Tabbì a Riesi, Bartoli chiede i domiciliari
IL CASO

Delitto Tabbì a Riesi, Bartoli chiede i domiciliari

di
delitto, riesi, Caltanissetta, Cronaca
Francesco Tabbì

RIESI. La procura di Caltanissetta vuole che resti in cella. Niente sconti - che nel concreto si tradurrebbe nella scarcerazione - per uno dei due autori del delitto di Riesi. Rei confessi.

Al cospetto del tribunale del riesame di Caltanissetta, che s’è riservato sulla decisione, s'è discussa ieri la posizione dell’operaio trentaseienne di Riesi, Angelo Bartoli (difeso dagli avvocati Giovanni Maggio e Michele Ambra) accusato insieme al cognato, il ventottenne di Riesi, Rocco Tabbì (difeso dall’avvocato Sergio Iacona), di avere ucciso il padre di quest'ultimo, il cinquantasettenne agricoltore riesino Francesco Tabbì, ucciso il 10 dicembre scorso a colpi di pistola e fucile nell’azienda agricola di famiglia di contrada Margio.

Ieri, Bartoli, attraverso i suoi legali ha chiesto ai giudici la revoca della custodia cautelare in carcere - provvedimento che il gip ha disposto dopo avere convalidato gli originari fermi - in cambio di una misura meno afflittiva. Che, nel caso specifico, si dovrebbe tradurre negli arresti domiciliari.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X