stampa
Dimensione testo
TRIBUNALE

Disastro ambientale a Gela, in ventidue indagati

di

GELA. In ventidue sono stati chiamati ieri in udienza preliminare perché coinvolti in un inchiesta su presunto disastro ambientale. Un drappello d’imputati tra dirigenti e tecnici dell'Eni, e della società "Raffineria di Gela srl".

Ma già in avvio il procedimento ha riservato sussulti. E tra eccezioni preliminari, ricusazioni da parte della difesa e presunti errori di tipo formali, il procedimento non decolla.

Anzi sembra far procedere a passo di lumaca questa fase dell’udienza preliminare che ruota attorno al "disastro ambientale innominato". Questa è l’ipotesi di reato contestata al piccolo esercito d’imputati, tutti dirigenti e tecnici dell'Eni e della Raffineria di Gela.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X