TRIBUNALE

«Pastori schiavizzati», imprenditore di Caltanissetta nei guai

di

CALTANISSETTA. Era accusato di avere sfruttato e ridotto in schiavitù clandestini all’interno della sua azienda agricola.

Imputazioni, pesantissime, tanto da trascinare un imprenditore nisseno al cospetto della corte d'Assise.

È il cinquantottenne Salvuccio Pirrello (difeso dall'avvocato Davide Anzalone), che una prima volta era stato rinviato a giudizio, ma successivamente, quando l'istruttoria era già partita, è sopravvenuta una modifica alla normativa che ha fortemente inasprito le pene per il reato di riduzione in schiavitù, per cui adesso il nisseno rischia una condanna che va da un minimo di 8 anni di reclusione ad un massimo di 20.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X