stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca «Beni di provenienza mafiosa», nuove perizie a Montedoro
TRIBUNALE

«Beni di provenienza mafiosa», nuove perizie a Montedoro

di

MONTEDORO. Nessuno squilibrio tra i beni sequestrati e i redditi di chi quel provvedimento lo ha subito: un presunto uomo d’onore.

A questa conclusione sono giunti gli esperti nominati dal sessantaseienne di Montedoro, Nicolò Falcone e della moglie, Anna Di Raimondo (assistito dagli avvocati Antonio Impellizzeri e Diego Guadagnino) che nell’aprile di due anni fa hanno subito un sequestro di beni per l’accusa in odor di mafia. E il cui valore complessivo ammonterebbe a un milione e mezzo di euro.

Patrimonio sul cui destino, adesso è chiamato a decidere la sezione patrimoniale del tribunale misure di prevenzione di Caltanissetta. Con da un lato la procura – rappresentata dal pubblico ministero Stefano Luciani – che chiede la conferma del sequestro e, dall’altra, l’«espropriato» che ne reclama la restituzione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X