stampa
Dimensione testo
CONTROLLI RADDOPPIATI

Tempo di bilanci per la polizia di Caltanissetta, il questore: "La mafia non chiede soldi ma assunzioni"

di

Meno furti, meno rapine, meno ricettazioni e meno danneggiamenti. In netto aumento invece i reati concernenti stupefacenti, truffe e frodi informatiche ed estorsioni, ma a livello di denunce. Tempo di bilanci per la polizia che chiude il 2018 con un calo anche se lieve della delittuosità nella provincia nissena.

La flessione dei reati non significa che nel territorio non esistono aree di criticità. E fra queste, come è stato sottolineato dal questore Giovanni Signer sicuramente Gela dove la lotta alla delinquenza è ostacolata dall’assenza degli impianti di videosorveglianza.

Uno degli ultimi arresti a Gela la polizia lo ha eseguito grazie al supporto di immagini fornite da un privato. Le zone cosiddette calde in relazione all’ordine e la sicurezza pubblica restano quelle del versante sud della provincia ovvero Gela, Niscemi e Riesi dove è più alta l’incidenza della criminalità mafiosa.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X