DA GDS IN EDICOLA

Aste giudiziarie truccate, in sette patteggiano la pena a Caltanissetta

In sette patteggiano la pena per il sospetto scandalo delle aste giudiziarie truccate. Tra loro un cancelliere, ex funzionari dell’istituto di vendite giudiziarie e un imprenditore.

Tutti hanno deciso di chiudere il loro sospeso con la giustizia passando per l’intesa con la procura. E, alla luce delle posizioni differenziate, ne sono usciti anche con condanne un bel po’ differenti tra loro. Con una forbice compresa tra poco meno di tre mesi e un massimo di oltre tre anni e tre mesi.

La scelta processuale, quella del patteggiamento, è stata adottata, tra gli altri, dall’assistente giudiziario alla cancelleria delle esecuzioni immobiliari del tribunale nisseno, il sessantunenne Orazio Rotondo (avvocato Giovanni Di Giovanni) con 2 anni di reclusione per lui che era accusato di turbata libertà degli incanti, falsità materiale e ideologica e abuso d’ufficio.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X