stampa
Dimensione testo
CALTANISSETTA

Sistema Montante, il teste: "Chi si opponeva a lui diventava un nemico"

caltanissetta, Processo Montante, Antonello Montante, Vincenzo Arnone, Caltanissetta, Cronaca
Antonello Montante

"Avevamo scoperto che pur di andare sui giornali il signor Montante fece scrivere che lui aveva avuto assegnata una laurea honoris causa, dalla Sapienza, e consegnata a Roma dal presidente Ciampi. E la mattina che abbiamo letto questo articolo siamo rimasti tutti meravigliati". Lo ha detto questa mattina l'avvocato Tullio Giarratana, allora direttore di Assindustria nella sua deposizione nell'ambito del processo sul Sistema Montante che si celebra con il rito ordinario nei confronti di 17 imputati e che è ripreso questa mattina nell'aula bunker di Caltanissetta.

"Ricordo che chiamai al telefono il giornalista che aveva scritto l'articolo che mi disse che gli avevano fatto sapere questa notizia. Dopodiché chiamai l'ufficio stampa e chiese se avevano contezza di questa laurea. Per farla breve vollero un fax dell'articolo. - afferma il testimone - Il presidente della Repubblica, con il prefetto e La Sapienza fecero poi una lettera di smentita".

"La mia sensazione era che l'ingegnere Di Vincenzo ritenesse Antonello Montante come una persona non all'altezza per quella carica. Infatti non lo sostenne, nonostante avesse da lui ricevuto appoggio. Poi l'atteggiamento di Montante fu che chi non era con lui era contro di lui". Lo ha detto Maria Lucia Di Buono, per 42 anni responsabile dell'amministrazione di Assindustria, questa mattina nel corso dell'udienza di Caltanissetta. Maria Lucia Di Buono si riferisce al 2005, quando Antonello Montante divenne presidente di Confindustria Sicilia sostituendo proprio Pietro Di Vincenzo, l'imprenditore nisseno successivamente accusato di essere vicino alla mafia e poi assolto. Tra gli accusatori dell'ingegnere c'era pure Montante.

L'ex presidente di Confindustria, ritenuto al centro di un sistema di corruzione finalizzato ad avere informazioni su inchieste in corso, è già stato processato e condannato a 14 anni in abbreviato per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione. Secondo l'accusa, avrebbe svolto inoltre un'attività di dossieraggio contro chi riteneva a lui ostile. A Di Vincenzo che in questo processo è parte civile- condannato per estorsione a tre dei suoi dipendenti - venne confiscato il patrimonio valutato in 280 milioni di euro.

"Non ricordo perché dopo l'arresto dell'imprenditore Vincenzo Arnone nel 2001 non vennero presi provvedimenti dal direttivo di Confindustria. Fino a tale data Arnone era ritenuto una persona per bene". Lo ha detto Tullio Giarratano, allora direttore di Assindustria, nell'udienza di questa mattina rispondendo alle domande dell'avvocato dell'ex presidente di Sicindustria Antonello Montante, Giuseppe Panepinto. Vincenzo Arnone è considerato un esponente della famiglia mafiosa di Serradifalco e fu testimone di nozze dello stesso Montante.  "Dopo tale data non furono adottati provvedimenti ma si aspettò che le aziende di Arnone venissero escluse da Confindustria per morosità", ha aggiunto il teste. L'avvocato Panepinto ha poi precisato che il provvedimento di esclusione di Arnone venne adottato soltanto sotto la presidenza Montante.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X