stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Videosorveglianza alla villa di Serradifalco, il Comune pagherà la corrente

di

Sarà il comune a pagare la corrente elettrica per il funzionamento delle telecamere di videosorveglianza nella villa di piazza Umberto I donate da privati dopo una sottoscrizione popolare. E non la stessa volontaria che aveva avviato la raccolta di fondi, come si era detto in un primo momento.

Anche se ciò dilaterà i tempi di attivazione dell'impianto. Bisognerà, infatti, attendere i tempi necessari alla società elettrica per la posa dei cavi. Anziché collegarli al contatore per animali di Antonella Lovalente, come la stessa volontaria si era offerta di fare. Per accelerare, appunto, i tempi di attivazione dell'impianto. Fortemente voluto dalla volontaria, che gratuitamente cura l'area verde, e reclamato da molti serradifalchesi.

Ad informare che, «su richiesta del sindaco Burgio, l'Enel ha concesso un punto luce dove allacciare le telecamere alla villa dei Caduti» è la stessa Lovalente. L'amministrazione comunale, dunque, in questo caso, ha preferito non adottare la soluzione provata per il funzionamento delle telecamere di sorveglianza in un'area zona della zona del Calvario, dove puntualmente erano abbandonati rifiuti di ogni genere.

L'articolo nell'edizione di Caltanissetta del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X