stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Niente posti letto nel Nisseno, indagine sulla morte di un paziente
INDAGINI IN CORSO

Niente posti letto nel Nisseno, indagine sulla morte di un paziente

Un uomo di 37 anni, Francesco Giovanni Giudice, è morto nel primo pomeriggio per un arresto cardiaco al pronto soccorso dell’ospedale «Vittorio Emanuele» di Gela.

L’uomo è stato accompagnato in ospedale domenica sera ed i medici, dopo aver accertato una emorragia ne hanno disposto il trasferimento presso il reparto di Gastroenterologia dell’ospedale Raimondi di San Cataldo. Qui i medici hanno installato dei pic per tamponare l’emorragia. L’intervento sembrava essere riuscito.

Non c'erano posti letto all’ospedale di San Cataldo così l’uomo è ritornato all’ospedale gelese. Anche qui nessun posto letto così è stato ricoverato in astanteria dove veniva monitorato dagli infermieri. Lo stato di salute di giudice è peggiorato ulteriormente e nel primo pomeriggio di ieri ha avuto un arresto cardiaco. I carabinieri hanno preso la cartella clinica dell’uomo che già soffriva di alcune patologie.

Anche il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Caltanissetta, Alessandro Caltagirone, ha avviato un’inchiesta interna. "Il paziente - spiega Caltagirone, che ha parlato con il direttore dell’ospedale, Luciano Fiorella - è arrivato ieri pomeriggio con mezzo proprio al pronto soccorso di Gela con dolore addominale. Gli è stato assegnato il codice verde. Passata mezz'ora il paziente ha manifestato altri sintomi: ematemesi (vomito di sangue proveniente dall’apparato digerente) e per questo gli è stato assegnato i codice giallo e, stabilizzato, è stato accompagnato in ambulanza, con rianimatore a bordo, al reparto di Gastroenterologia del Maddalena Raimondi di San Cataldo, dove è stato sottoposto a Egds dalla quale è emersa la presenza di ulcere sanguinanti in corrispondenza del cardias. I medici hanno provveduto ad una infiltrazione perilesionale di adrenalina con successiva apposizione di endoclips con arresto del sanguinamento. Alle 4,45 il paziente faceva rientro al pronto soccorso di Gela e veniva tenuto in osservazione in astanteria, in attesa del posto letto. Alle 12,30 di oggi ha cominciato a presentare sintomi di bradicardia e il medico di guardia si è attivato in attesa che giungessero, dopo qualche minuto, il rianimatore e il cardiologo".

"Sono state effettuate - conclude - le manovre Acls con ripresa dell’attività cardiaca dopo 25 minuti circa dall’arresto. Il paziente, intubato e collegato al ventilatore, è andato in terapia intensiva. Dopo un nuovo arresto cardiaco e nonostante le manovre di rianimazione è deceduto alle 14. Il paziente nel marzo scorso era stato ricoverato in rianimazione per simili manifestazioni di ematemesi massiva per poi essere trasferito in psichiatria".

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X