stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Corruzione in Sicilia, dai campi nisseni all'impero londinese: l'ascesa dei Navarra
L'INCHIESTA

Corruzione in Sicilia, dai campi nisseni all'impero londinese: l'ascesa dei Navarra

Un solo cognome e un identico destino. Totò Navarra e Salvatore Navarra, padre e figlio entrambi accusati di corruzione. Il primo è stato coinvolto, nel 2018, nell'inchiesta sul "Sistema Montante". Il secondo, il figlio 47enne, adesso è ai domiciliari perché tra gli accusati di corruzione nell'operazione "Sorella Sanità" avendo intascato una tangente da 750mila euro.

I due infatti sono a capo della Pfe, azienda di pulizie con sede a Caltanissetta, che negli anni si è aggiudicata importanti appalti nella sanità siciliana ma anche nei teatri, come lo Stabile di Catani, fatturando milioni di euro.

Un impero, come si legge nell'articolo di Ivana Baiunco sul Giornale di Sicilia di oggi, nato dal basso e che si estende anche a Milano, Palermo, Sassari, Roma e persino a Londra dove vive e adesso è ai domiciliari Navarra junior che dal 2018, dopo l'avviso di garanzia al padre, è a capo dell'azienda.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X