stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Spari in una stazione di servizio a Gela, chiesto il rinvio a giudizio per 10 persone
REGOLAMENTO DI CONTI

Spari in una stazione di servizio a Gela, chiesto il rinvio a giudizio per 10 persone

sparatoria, Caltanissetta, Cronaca
Foto Archivio

E’ stata fissata per il 15 giugno l’udienza preliminare a carico di 10 persone che la notte dell’8 ottobre dello scorso anno a Gela hanno litigato violentemente presso una stazione di servizio. Un regolamento di conti concluso poi con una sparatoria. Il giudice dovrà decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio della procura.

La lite è scoppiata tra un gruppo di gelesi, appena rientrati dopo i festeggiamenti per l’addio al nubilato di un’amica, ed un gruppo di licatesi. Il licatese Salvatore Giuseppe Cavaleri - secondo la ricostruzione - aveva rivolto a una donna gelese delle avances scatenando l’ira degli amici. Poi le botte, il lancio di tavolini e sedie e l’intervento di carabinieri e polizia che hanno sedato le ire.

Mentre i feriti venivano soccorsi dal 118 è giunto Paolo Quinto Di Giacomo, fratello della festeggiata, che ha sparato diversi colpi di pistola, munita di silenziatore, nei confronti di Cavaleri che è rimasto ferito. Anche un operatore del 118 è rimasto coinvolto nella sparatoria. L’intervento di un carabiniere, che ha disarmato l’uomo, ha evitato il peggio.

La procura di Gela, guidata da Fernando Asaro, ha chiesto il rinvio a giudizio per tentato omicidio nei confronti di Paolo Quinto Di Giacomo che avrebbe sparato a Salvatore Cavaleri e al figlio Michele. Alle altre nove persone si contesta l’accusa di rissa e lesioni personali.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X