stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Caltanissetta, ancora violenze in carcere: detenuto aggredisce a calci un agente
LA DENUNCIA

Caltanissetta, ancora violenze in carcere: detenuto aggredisce a calci un agente

Torna al centro delle cronache il carcere di Caltanissetta per le folle intemperanze di un detenuto campano che, ieri, ha dato in escandescenza e aggredito un poliziotto.  A dare la notizia è Calogero Navarra, segretario nazionale per la Sicilia del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria: "Ieri pomeriggio, verso le 14.40, si è verificata nel carcere di Caltanissetta l’ennesima aggressione contro personale di Polizia Penitenziaria. Un assistente capo del Corpo è stato infatti aggredito da un malavitoso campano del circuito Alta Sicurezza. Il collega, dopo aver contestato la presenza di alcuni oggetti non consentiti in un pacco appena giunto, veniva colpito con calci. Non contento, il detenuto ha pure scaraventato una scrivania addosso al collega. Grazie all'intervento di altri poliziotti si è evitato il peggio, ma la situazione è diventata insostenibile”.

“La situazione penitenziaria in Sicilia è sempre più allarmante, come dimostrano i gravi fatti accaduti recentemente nelle carceri di Catania piazza Lanza e Caltanissetta, con le aggressioni dei giorni scorsi”, evidenzia Navarra, che sottolinea “la professionalità, la competenza e l'umanità che ogni giorno contraddistingue l'operato delle donne e degli uomini della Polizia Penitenziaria con tutti i detenuti  per garantire una carcerazione umana ed attenta pur in presenza ormai da anni di oggettive difficoltà operative, le gravi carenze di organico di poliziotti, le strutture spesso inadeguate. Attenti e sensibili, noi poliziotti penitenziari, alle difficoltà di tutti i detenuti, indipendentemente dalle condizioni sociali o dalla gravità del reato commesso. Ma che corrono rischi e pericoli ogni giorno”.

Il Segretario Generale del Sappe Donato Capece rinnova al Ministro della Giustizia Marta Cartabia e ai vertici dell’Amministrazione Penitenziaria la richiesta “di incrementare l’organico delle donne e degli uomini della Polizia Penitenziaria che quotidianamente devono assicurare la sicurezza del Paese. Cosa si aspetta ad assumere adeguati provvedimenti per garantire la sicurezza e la stessa incolumità fisica degli Agenti di Polizia Penitenziaria che lavorano in carcere? I nostri Agenti svolgono servizio nelle Sezioni detentive completamente disarmati, mentre i detenuti sono liberi di girare senza alcuna restrizione: è assurdo e intollerabile!”.

Capece torna infine ad evidenziare come l’ennesima aggressione a poliziotti penitenziari in un carcere italiano è “sintomatico del fatto che le tensioni e le criticità nel sistema dell’esecuzione della pena in Italia sono costanti. Servono riforme davvero strutturali nel sistema penitenziario e dell’esecuzione della pena, rivendendo la scellerata vigilanza dinamica e il regime penitenziario aperto che favorisce questa assurda escalation di violenza ed eventi critici in carcere”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X