stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il Sant'Elia di Caltanissetta quinto in Italia per interventi al femore entro le 48 ore
PIÙ 150 INTERVENTI

Il Sant'Elia di Caltanissetta quinto in Italia per interventi al femore entro le 48 ore

Caltanissetta, Cronaca
L'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta

Il reparto di Ortopedia dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta è quinto in tutta Italia, e primo in Sicilia, tra le unità operative che hanno eseguito più di 150 interventi in un anno, entro 48 ore, su pazienti over 65 con frattura di femore. L’unità operativa è diretta da Massimo Siracusa. «Un risultato che - dice - sarebbe stato impossibile realizzare senza il lavoro di squadra e i colleghi che operano con me in reparto, i medici Giovanni Alongi, Anna Arancio, Antonio Bugea e Michele Palumbo».

La classifica è stata pubblicata dalla Otodi (Ortopedici Traumatologi Ospedalieri d’Italia), presieduta dal professore Vincenzo Caiaffa. Nella classifica rientrano i soli ospedali che hanno eseguito oltre 150 interventi su fratture di femore in un anno, e tra questi sono state ulteriormente valutate quelle unità operative che li hanno realizzati in 48 ore, quel lasso di tempo massimo stabilito dalle linee guida che garantisce migliori postumi in termini di funzionalità motoria e sopravvivenza. Il reparto di Ortopedia del Sant’Elia ha raggiunto il 93%.«Parliamo di pazienti complessi sul piano delle comorbilità - spiega Siracusa - e quindi il risultato non è encomiabile soltanto sul piano dei numeri ma anche sulla capacità di gestire il paziente dal punto di vista medico e assistenziale con risultati eccellenti. Il numero di ricoveri per questa patologia, in ragione dell’avanzare dell’età legata ai progressi della medicina, è aumentato costantemente. All’interno del reparto ci occupiamo di chirurgia traumatologica (compresi i traumi di bacino), chirurgia protesica di spalla, ginocchio e anca, chirurgia artroscopica e chirurgia mininvasiva». Ma c’è un altro obiettivo raggiunto dal reparto guidato da Siracusa. «Nella chirurgia protesica otteniamo ottimi risultati in termini di recupero funzionale e di minimizzazione delle complicanze, quali ad esempio infezioni, patologie tromboemboliche e fallimenti di impianto», afferma.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X