stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Processo Borsellino, il pm: le stragi di mafia coincisero con altri interessi
LA REQUISITORIA

Processo Borsellino, il pm: le stragi di mafia coincisero con altri interessi

«La strage di via D’Amelio avviene a 57 giorni di quella di Capaci ed è avvenuta in un momento storico che ha prodotto effetti devastanti per l’organizzazione mafiosa. Se è un dato oggettivo e inconfutabile che questi tempi non coincidono con i tempi dell’organizzazione mafiosa è altrettanto oggettivo che coincidevano con altri interessi». Lo ha detto il pm Stefano Luciani nella requisitoria sul processo sul ‘depistaggiò delle indagini sulla strage di via D’Amelio che si celebra di Caltanissetta. “Se si vuole avere una chiave per cercare di comprendere le motivazioni che sottostanno a questo depistaggio - ha detto ancora il pm Luciani - è utile partire dal confronto tra il prima e il dopo. Qual è il narrato che arriva dalle dichiarazioni di Vincenzo Scarantino e quello arrivato poi da Gaspare Spatuzza? La versione che dà Vincenzo Scarantino e quella che rende Gaspare Spatuzza sulla fase esecutiva della strage di via D’Amelio sono pressoché sovrapponibili. Ciò che non troverete nella versione di Scarantino - ha sottolineato il rappresentante dell’accusa - è la presenza dell’individuo all’interno del garage di via Villasevaglios non conosciuto da Gaspare Spatuzza e dallo stesso individuato come possibile soggetto esterno all’associazione mafiosa. Cosa persuade che questo sia uno dei punti focali della vicenda? Faccio riferimento - ha sottolineato il pm Luciani - alle dichiarazioni rese recentemente dal collaboratore di giustizia Maurizio Avola, che sono un altro depistaggio e che dispiace non siano state introdotte in questo processo». Il pentito catanese ha sostenuto di essere presente al momento della strage di via D’Amelio e di avere dato lui il segnale a Graviano, segnalando l’arrivo del magistrato e della sua scorta e di essersi poi allontanato con in mano un borsone con la scritta polizia. Ricostruzione alla quale la Procura di Caltanissetta non ha mai creduto non trovando riscontri

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X