stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Caltanissetta, al processo si parla delle indagini della Dia contro i «nemici» di Montante
INTERROGATORIO

Caltanissetta, al processo si parla delle indagini della Dia contro i «nemici» di Montante

«Il 6 settembre 2012 la dottoressa Rosalba Ferrara, segretario generale facente funzioni della Camera di Commercio, consegnò una lettera e fece denuncia orale al tenente colonnello Letterio Romeo, nella quale si parlava di attività illecite poste in essere da Pasquale Tornatore, a dire di alcune persone legato a gruppi mafiosi e in particolare al noto costruttore Di Vincenzo. Era un fatto del tutto irrituale che un segretario della Camera di Commercio presentasse una denuncia orale non alle forze dell’ordine ma direttamente alla Direzione investigativa antimafia». Lo ha detto il luogotenente della guardia di finanza Giandomenico Fenu, sentito oggi come teste al processo sul cosiddetto «Sistema Montante», dove il colonnello Letterio Romeo è imputato assieme ad altre 29 persone - dopo la riunificazione dei due processi - accusate a vario titolo, di associazione per delinquere, corruzione, abuso d’ufficio e finanziamento illecito ai partiti.

«Sono in Dia dal 1994 - continua Fenu - ed era la prima volta che vedevo una denuncia di questo tipo. Cioè un cittadino che si presenta alla Dia per fare una denuncia orale, non una comunicazione di notizia di reato. Subito dopo venne presentato da Romeo un rapporto su Tornatore alla Procura. C'è una relazione del colonnello Romeo che diceva che la figlia del titolare del Torronificio Geraci convive con Shams Aldin Kill, che a dire di Romeo sarebbe un pericoloso criminale braccio armato del Di Vincenzo. Nel corso degli anni sono stati svolti una serie di accertamenti su una serie di soggetti in modo ripetitivo. Tra questi Tornatore, Pietro Di Vincenzo, Tullio Giarratana e Umberto Cortese. La Dia cominciò una serie di attività - accertamenti bancari, finanziari, tributari - a volte anche autonome rispetto alla Procura, per indagare su queste persone».

Le persone citate dal luogotenente sono parte civile nel processo ed erano considerate «nemici» di Montante. Anche Giuliana Geraci è parte civile.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X