stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Caltanissetta, morta sotto i ferri: l'autopsia rivela infarto intestinale ed emorragia polmonare
LE INDAGINI

Caltanissetta, morta sotto i ferri: l'autopsia rivela infarto intestinale ed emorragia polmonare

Caltanissetta, Cronaca
Antonella Geraldi

Sarebbero stati un infarto intestinale e un’emorragia polmonare a provocare la morte di Antonella Geraldi, la 53enne di Caltanissetta deceduta durante un intervento chirurgico all’ospedale Sant'Elia il pomeriggio del 6 gennaio. È ciò che sarebbe emerso oggi nel corso dell’autopsia, eseguita all’obitorio dell’ospedale di Caltanissetta, sul corpo della signora, dai medici legali Nello Grassi, di Palermo ed Elvira Ventura Spagnolo di Messina.

I medici incaricati dalla Procura però sono chiamati a riferire cosa ha provocato l’infarto e l'emorragia polmonare e soprattutto se intervenendo il giorno prima si sarebbe potuto evitare il decesso. Un quesito al quale potranno rispondere soltanto dopo l’analisi istopatologica dei tessuti prelevati oggi nel corso dell’esame da polmoni e intestino. Questo quanto emerso in via non ufficiale a seguito dell’esame autoptico. Per il referto bisognerà attendere fino a 90 giorni.

A sporgere denuncia ai carabinieri sono stati i familiari di Antonella Geraldi la stessa sera del decesso. Ad assistere il marito gli avvocati Giuseppe Panepinto e Massimo Dell’Utri, mentre i figli Federica e Marco hanno nominato come legali gli avvocati Salvatore e Antonino Falzone che assistono anche altri familiari della donna. I legali delle parti offese hanno nominato come consulenti di parte i medici legali Emiliano Maresi e Giuseppe Ragazzi. Sono 14 in tutto le persone indagate dalla procura, 9 medici e 5 infermieri. A loro volta, gli indagati hanno nominato propri consulenti.

Antonella Geraldi era arrivata in ospedale alle 3 di notte del 5 gennaio in preda a forti dolori addominali. Dopo essere stata sottoposta ad accertamenti era stata eseguita una prima tac e una radiografia all’addome, dalle quali sarebbe emersa un’occlusione intestinale, e successivamente è stata ricoverata in Chirurgia. I medici, secondo il racconto dei familiari, avevano comunicato che sarebbe stata operata il 5 pomeriggio ma ciò non sarebbe avvenuto. La paziente è stata sottoposta a intervento chirurgico l'indomani pomeriggio. Durante l’operazione all’addome si sarebbero verificate delle complicanze e la paziente è deceduta. I medici legali sono chiamati a stabilire se vi siano stati eventuali errori o omissioni nella diagnosi e se vi sia stata negligenza, imprudenza o imperizia nella modalità e nella tempistica con cui è stato eseguito l’intervento chirurgico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X