stampa
Dimensione testo
TEATRO

A Caltanissetta "Ad un passo dal cielo", in memoria delle vittime di mafia

CALTANISSETTA. Alla vigilia del 24/mo anniversario della strage di Capaci al Teatro Regina Margherita di Caltanissetta, domenica prossima alle 20.30, andrà in scena uno spettacolo dedicato alle vittime di mafia e ai loro parenti: «Ad un passo dal cielo» dell'attore, regista e autore nisseno Aldo Rapè, che proporrà la storia di Calogero, uno uomo rimasto bambino dopo aver assistito all'omicidio dei suoi genitori e del suo compagno Gino, un burattino di legno.

Lo spettacolo rientra nel cartellone firmato da Moni Ovadia e organizzato dall'Amministrazione comunale. Con oltre 500 repliche alla spalle, lo spettacolo, nato nel 2004 ha vinto il  Premio miglior attore e premio speciale della giuria a «Schegge d'Autore», il Premio miglior spettacolo, miglior testo, miglior attore, miglior regia e menzione speciale premio scuola a «La Corte della Formica» ed il Primo Premio Sez. Teatrale al  «Premio letteratura osservatorio».

«Il testo - scrive Rapè, nato a San Cataldo nel 1976 e da qualche anno naturalizzato a Napoli - nasce da una piccola frase pronunciata da una buffa signora incontrata a mare a Catania quando avevo 16 anni: le esperienze che viviamo da bambini ci segnano per tutta la vita».

«La frase - aggiunge - mi colpì in modo particolare sia per l'effetto del contenuto, ma anche per il modo e la giornata in cui fu pronunciata: era il 19 Luglio del 1992. Il giudice Paolo Borsellino insieme ad altri innocenti veniva barbaramente ucciso in via d'Amelio a Palermo. Un attimo dopo mi voltai e la buffa signora non c'era più. Ogni tanto ricordo di averne parlato con i miei genitori e puntualmente se ne uscivano sempre con la stessa favola, quella dei buoni e dei cattivi».

«Ripensando alla frase . conclude il regista - un interrogativo immediato: Chissà come si sentono adesso i figli ed i parenti delle vittime? Quali sono i loro sentimenti? Odio? Tristezza?...E se accadesse a me una cosa simile? Sono trascorsi tanti anni e solo adesso provo a scrivere la storia di uno di loro? per non dimenticare».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X