stampa
Dimensione testo
ARCHEOLOGIA

Gela, una petizione per salvare la necropoli

di

«Salviamo i beni archeologici di Gela». È il titolo della petizione che è stata avviata sui social per salvare il grande patrimonio archeologico che sta venendo alla luce durante i lavori di posa della nuova condotta idrica.

«Non facciamoci prendere in giro ancora una volta. Non facciamo ricoprire le nuove scoperte dal cemento. Firmiamo per la rinascita della nostra terra».

Questa la motivazione contenuta nella petizione che ha già raccolto in pochi giorni un migliaio di firme. L’ultimo rinvenimento, in via Cicerone, riguarda un sarcofago del V secolo avanti Cristo. «Un rinvenimento importante», ha detto Giuseppe La Spina, archeologo e direttore del gruppo archeologico Geloi. Si tratta – ha aggiunto - di un sarcofago in terracotta di età greca classica decorato al suo interno da due piccole colonne in stile ionico".

L'articolo completo nell'edizione Sicilia Orientale del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X