stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Gela, mostra «Ulisse in Sicilia», via alle visite guidate gratuite
REGIONE SICILIANA

Gela, mostra «Ulisse in Sicilia», via alle visite guidate gratuite

Caltanissetta, Cultura
La Nave di Gela

Al via domani, 8 dicembre, festa dell'Immacolata, le visite guidate gratuite alla mostra «Ulisse in Sicilia. I luoghi del mito» promossa dalla Regione Siciliana e organizzata dalla Soprintendenza dei Beni culturali di Caltanissetta all’interno dell’area di Bosco Littorio, nel Parco archeologico di Gela. A gestirle è Coopculture e si svolgeranno dalle 11 e alle 17. L'iniziativa, adatta anche alle famiglie con bambini, sarà riproposta a Santo Stefano (26 dicembre), a Capodanno e per l'Epifania (1 e 6 gennaio).

«Le visite guidate – afferma l’assessore regionale ai Beni culturali e all’identità siciliana, Elvira Amata – sono un’interessante opportunità per avvicinare le famiglie e i giovani al museo. Il successo della mostra, nei suoi oltre quattro mesi di apertura, testimonia una grande curiosità e il desiderio della scoperta storica. Dobbiamo lavorare su questa linea offrendo una narrazione nuova e curiosa che aiuti i più giovani a familiarizzare con i personaggi della nostra storia e della mitologia. A Gela potranno camminare tra Proci, ciclopi, spose fedeli, ninfe incantate, sirene e naufragi devastanti, alla scoperta di Ulisse, il condottiero furbo e tenace che rappresenta anche la curiosità e la capacità dell’essere umano di andare oltre il proprio limite».
Con circa 50 mila visitatori in poco più di tre mesi, e una media di 500 presenze giornaliere, «Ulisse in Sicilia. I luoghi del mito» si propone in una versione rinnovata rispetto alla prima inaugurata nel luglio scorso. Il nuovo percorso espositivo, voluto dal dipartimento dei Beni culturali e dell’identità siciliana in seguito alla restituzione di alcuni pezzi prestati da vari musei, propone ulteriori reperti che la rendono interessante anche per chi ha già visitato la mostra.

Elemento centrale e cuore pulsante dell’esposizione resta la Nave di Gela, che gli archeologi hanno datato tra il VI e il V secolo avanti Cristo, rinvenuta nei fondali di fronte alla costa di Bulala, ed esposta al pubblico nella sede temporanea in attesa che vengano ultimati i lavori del nuovo museo. Attorno alla nave un percorso del tutto nuovo offre reperti inediti costituiti dal suo carico e da nuovi reperti che giungono da collezioni e musei e che accompagnano virtualmente Ulisse, il condottiero cantato da Omero, lungo il suo infinito viaggio verso Itaca.
Su lekythos e crateri esposti sono raffigurate le scene tramandate dai cantori: dalla morte di Cassandra per mano della gelosa Clitennestra, al passaggio dello Stretto e all’assalto del mostro Scilla; dal vorace Polifemo alle sirene incantatrici. Lucerne e corde narrano, invece, la vita sulle navi, le abitudini dei marinai, le tecniche di costruzione; affascinante, poi, il racconto del recupero della nave di Gela.

Per chi non riuscirà a partecipare alle visite, sono disponibili audioguide in più lingue preparate da Coopculture che ha gestito, oltre all’apertura, i servizi di accoglienza. Per gli alunni delle scuole di Gela, di età compresa tra i 7 e i 14 anni, è già in fase di svolgimento il ciclo di letture «Sfogliando il mare! Le avventure del re marinaio Ulisse», nato con l’intento di raccontare l’Odissea a tappe, seguendo il percorso espositivo dei reperti archeologici.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X