stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Investimenti fermi per l’Eni: summit al Comune di Gela
INDUSTRIA

Investimenti fermi per l’Eni: summit al Comune di Gela

di
Incontro tra i rappresentanti dell’amministrazione, di sindacati e della società che avevano firmato l’accordo sulla riconversione della fabbrica

GELA. L’investimento da 2,2 miliardi di euro relativo al progetto Eni, sottoscritto al Mise il 6 novembre scorso, è fermo ancora al palo. Stessa situazione per l’avvio delle azioni relative al riconoscimento dell’area di crisi complessa il cui bando non è stato ancora pubblicato nella gazzetta ufficiale. Mancano le autorizzazioni indispensabili ad agevolare nuovi insediamenti produttivi atti a garantire il mantenimento occupazionale.

Sono questi i punti salienti che hanno caratterizzato il summit a palazzo di Città tra i vertici dell’amministrazione comunale, e tutti gli attori principali firmatari dell’accordo sulla riconversione della fabbrica e l’avvio delle estrazioni di gas on e off shore. Il gruppo del colosso energetico del cane a sei zampe è stato rappresentato dall’amministratore delegato della RaGe, Alfredo Barbaro, e dal presidente Enimed, Massimo Barbieri. Per la Legacoop erano presenti Giovanni Salsetta e Leonardo Li Causi, mentre per Confindustria: Rosario Amarù, Carmelo Turco e Carlo La Rotonda. Tra gli esponenti confederali hanno preso parte all’incontro: Ignazio Giudice (Cgil), Emanuele Gallo (Cisl), Franco Tilaro (Ugl) e Maurizio Castania (Uil).

 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X