stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport La Nissa rifiuta l'aiuto del Comune, il club rischia la radiazione
CALCIO

La Nissa rifiuta l'aiuto del Comune, il club rischia la radiazione

di

CALTANISSETTA. I dirigenti della Nissa rifiutano l’offerta dell’amministrazione comunale che aveva deciso di concedere alla Nissa lo stadio Palmintelli in maniera totalmente gratuita più un piccolo contributo una tantum, ma in cambio i giocatori avrebbero dovuto portare sulla maglia la scritta «Città di Caltanissetta». Un’offerta irrisoria, secondo il dirigente biancoscudato Alberto Scalia, che avrebbe voluto la gestione dello stadio e dei contributi maggiori per affrontare con serenità il prossimo campionato.

«Ringraziamo il sindaco Giovanni Ruvolo e l’assessore allo Sport Carlo Campione che si sono impegnati per aiutarci – spiega Scalia – ma quello che offrono è poco affinché la Nissa possa tornare ad essere competitiva. Noi avremmo voluto le gestione dello stadio, visto che negli anni scorsi a nostre spese abbiamo sistemato il fondo di gioco, messo in sicurezza la gradinata e ripristinato i bagni senza chiedere un euro a nessuno.».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X