stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Sequestro milionario a Gela, il video dei beni finiti sotto indagine

Sequestro milionario a Gela, il video dei beni finiti sotto indagine

Tre decreti di sequestro di beni ai sensi della normativa antimafia, sono stati emessi nei confronti di Salvatore Luca (70enne), Rocco Luca (45enne) e Francesco Antonio Luca (65enne), imprenditori gelesi noti nel settore immobiliare e soprattutto in quello della commercializzazione di autovetture, anche di lusso. I tre sono indagati per concorso esterno in associazione mafiosa, sono stati ritenuti soggetti di elevata e qualificata pericolosità sociale in ragione della loro contiguità e complicità con organizzazioni criminali riconducibili a cosa nostra. In particolare le attività investigative hanno fatto emergere una sorta di opportunismo affaristico con esponenti della famiglia mafiosa dei "Rinzivillo". Le indagini di natura economico patrimoniale hanno fatto emergere il reinvestimento da parte degli indagati di ingenti capitali di illecita provenienza in numerose società, formalmente intestate ai famigliari dei predetti, attive nel settore dell’edilizia e della rivendita di autovetture.

Le attività economiche e i beni oggetto del provvedimento de quo riconducibili ai Luca, sia direttamente che per interposte persone, identificate in altri appartenenti alla cerchia familiare, riguardano l’intero compendio aziendale, nonché il 100% delle quote del capitale sociale, delle seguenti società: -“LUCAUTO S.r.l.”, con sede a Gela, in attività nel “commercio di autovetture”; “CARLUCA S.r.l.”, con sede a Gela, in attività nel “commercio di autovetture”; - “TERRANOVA IMMOBILIARE S.r.l.”, con sede a Gela, in attività nella “locazione di immobili”;  “IMMOBILLUCA S.r.l.”, con sede a Gela, in attività nella “compravendita di beni immobili”; “LUCA IMMOBILIARE S.r.l. in liquidazione”, con sede a Busto Arsizio (VA), in attività nella “compravendita di immobili”; - “LUCA COSTRUZIONI S.r.l.”, con sede a Gela, in attività nella “costruzioni di edifici”; “MIRTO S.r.l.”, con sede a Gela, in attività nella “costruzioni di edifici”.

Inoltre, l’odierna misura di prevenzione ha riguardato anche: l’intero compendio aziendale e 3 quote societarie (pari al 95% del capitale sociale) della “GINEVRA IMMOBILIARE S.r.l.”, con sede a Gela, in attività nella “locazione di immobili”; l’intero compendio aziendale e n. 2 quote societarie (pari al 90% del capitale sociale) della “LUCA IMMOBILIARE S.r.l.”, con sede a Gela, in attività nella “compravendita di immobili”; n. 1 quota societaria (pari al 10% del capitale sociale) della “OIKOS S.r.l.”, con sede a Gela, avente per oggetto l’attività di “alberghi e ristoranti”; 40 terreni siti in Gela, di cui 25 facenti parte dei predetti compendi aziendali; 192 fabbricati siti a Gela, Marina di Ragusa e Vittoria, di cui 142 facenti parte dei predetti compendi aziendali; n. 47 rapporti bancari, finanziari e/o polizze assicurative.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X