stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Calcio violento, emessi 22 Daspo contro i tifosi di Caltanissetta e 2 a Palermo
SICUREZZA

Calcio violento, emessi 22 Daspo contro i tifosi di Caltanissetta e 2 a Palermo

La Divisione polizia anticrimine della questura di Caltanissetta ha notificato provvedimenti di divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono competizioni sportive nei confronti di 22 persone, 13 dei quali nisseni - di cui uno minorenne - e 9 ennesi, di età compresa tra i 17 e i 49 anni. Il 13 novembre nel corso dell’incontro Asd Nissa-Enna Calcio i 22 tifosi, travisati da caschi e passamontagna e armati di bastoni e oggeti contundenti, prima dell’inizio dell’incontro, nei pressi dello stadio Palmintelli, in viale della Regione, si sono resi responsabili di condotte violente, rendendo la strada adiacente all’ingresso dello stadio teatro di accesi scontri.

Il governo da Agrigento annuncia il giro di vite per gli ultras: si va verso il divieto delle trasferte a rischio

«Cinque Daspo prevedono l’obbligo di firma in questura, durante il primo e secondo tempo degli incontri che si tengono in casa o fuori - ha specificato il questore Emanuele Ricifari - e gli altri hanno durate che vanno dai 5 anni (per 8 di loro) e 2 anni (per 14 persone). Abbiamo dato il massimo a chi aveva già precedenti specifici». Le forze dell’ordine erano riuscite a riportare la situazione alla calma. Successivamente le indagini condotte dalla Digos, che ha visionato i filmati della Polizia scientifica, hanno consentito di individuare gli autori dei disordini che sono stati denunciati alla Procura.

Alle persone colpite da daspo è vietato l’accesso, su tutto il territorio nazionale, agli stadi di calcio e nelle aree antistanti o limitrofi allo stesso. Sono 47 attualmente le persone sottoposte a Daspo nella provincia nissena. «Si sono viste in città - ha detto oggi in conferenza stampa il questore Emanuele Ricifari - scene compatibili con quelle che avete visto in questi giorni sui notiziari relative agli scontri che ci sono stati sulla A1. Questo dovrebbe far riflettere perché nel nostro caso questi scontri si sono verificati nel centro cittadino e anche qua abbiamo motivo di ritenere che fossero deliberatamente premeditati. Il mio messaggio è che da questo momento non tollererò nulla, nemmeno gli sfottò nei confronti delle forze di polizia».

 Fumogeni alla partita Frosinone-Palermo

Divieto di accesso ai luoghi in cui si svolgono manifestazioni sportive, rispettivamente di cinque e tre anni anche per due tifosi del Palermo. I due Daspo sono stati disposti dal Questore di Frosinone e si riferiscono all’uso di materiale pirotecnico vietato dalla normativa , in occasione della partita del campionato di Serie B Frosinone-Palermo , disputata a settembre dello scorso anno. Uno dei due tifosi, quello destinatario del provvedimento più severo, aveva acceso e lanciato un fumogeno in direzione del terreno di gioco a ridosso del personale steward: per lui scattato anche l’obbligo di firma in quanto già destinatario di un altro provvedimento di divieto di accesso alle manifestazioni sportive . Il secondo tifoso deve rispondere di altro lancio che aveva sprigionato una densa cortina di fumo attorno agli spettatori del settore ospiti.

I due supporter sono stati identificati a seguito degli accertamenti svolti dai poliziotti della Digos della Questura di Frosinone, supportati dalle immagini in possesso degli operatori della Polizia Scientifica ed estrapolate dalle telecamere di videosorveglianza dell’impianto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X