TRIBUNALE

Racket a Vallelunga, assolto un imprenditore

di

CALTANISSETTA.  Cadono le accuse di estorsione per un imprenditore di Vallelunga… che estorsore non era. Già perché era stato accusato di avere praticato la cresta alle buste paga di suoi operai. E la procura ne ha chiesto pure un verdetto di colpevolezza, almeno per una delle due imputazioni contestate sull’onda dell’inchiesta su mafia e cemento della finanza che lo ha coinvolto.

Ieri, invece, il sessantenne Giuseppe Pirrone (assistito dagli avvocati Emanuele ed Oriana Limuti) è stato assolto con formula piena. «Il fatto non sussiste» la motivazione con cui il giudice Antonio Napoli lo ha assolto.

Di contro il pubblico ministero Stefano Luciani ha proposto l’assoluzione del costruttore da due ipotesi di estorsione nei confronti di altrettanti suoi operai, ma ne ha chiesto la condanna a 2 anni e 3 mesi per tentata estorsione a carico di un terzo operaio.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X