stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "Forzò posto di blocco perchè aveva della droga", condannato
TRIBUNALE

"Forzò posto di blocco perchè aveva della droga", condannato

di

CALTANISSETTA. Colpevole tanto per la droga quanto per avere speronato durante la fuga un'auto della polizia rischiando di travolgere agenti. É la sintesi del verdetto emesso ieri dal giudice nei confronti di un macellaio che nel maggio di quattro anni fa è stato al centro di una burrascosa vicenda. Che ha pure coinvolto un secondo imputato, un disoccupato, poi giudicato con il rito abbreviato.

Condannato, adesso, a un anno e cinque mesi il trentottenne Giuseppe Marchese sul quale pendeva un ampio ventaglio di contestazioni. Si va dalla detenzione di droga finalizzata allo spaccio, alla resistenza e, ancora, violenza e lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. Queste le imputazioni per il commerciante (difeso dall’avvocato Sonia Costa) processato con il rito ordinario dal giudice Valentina Balbo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X