stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Delitto di Riesi, padre della vittima alla sbarra
TRIBUNALE

Delitto di Riesi, padre della vittima alla sbarra

di

RIESI. Nuovo atto del sospetto figlicidio di Riesi. Vicenda choc che ha sconvolto il paese. E che tra meno di un mese riapproderà in aula per un processo d'appello. Perché il padre, accusato di avere ucciso il figlio e già condannato al “fine pena mai” in primo grado, ha impugnato quel verdetto.

A tutti i costi ora vorrebbe dimostrare la sua innocenza, mai gridata ma sempre asserita. E l’imprenditore sessantaseienne di Riesi, Stefano Di Francesco (assistito dagli avvocati Michele Micalizzi e Giampiero Russo) tornerà alla sbarra per il processo d'appello. Perché già giudicato colpevole di avere assassinato il figlio. Il trentunenne Piero Di Francesco che – secondo il teorema accusatorio che ha già retto al vaglio dell'aula – avrebbe prima tramortito e poi, credendolo morto, ne avrebbe bruciato il corpo. Che il padre stesso – secondo la tesi a discolpa - avrebbe trovato carbonizzato la mattina del 9 gennaio 2012 dentro una vecchia auto all’interno dell’azienda di famiglia.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X