stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

San Cataldo, accusata di stalking ai danni di un medico. Il perito: "Non era capace di intendere"

"In quei frangenti non era totalmente incapace". A queste conclusioni è giunto il perito nominato dal giudice che sta processando una donna accusata di stalking ai danni di un medico e della sua famiglia.

Sul banco degli imputati siede la trentasettenne di San Cataldo, Monica Nicoletta Falzone (assistita dall’avvocatessa Maria Francesca Assennato). È accusata di atti persecutori ai danni dell'ex primario dell'unità di neurochirurgia dell'ospedale Sant'Elia, il sessantatreenne Natale Francaviglia (assistito dall’avvocato Giacomo Butera).

E ieri, in aula, l’esperto nominato dal giudice Santi Bologna ha sostenuto, in sintesi, che in quei momenti la "capacità d’intendere e di volere della donna era scemata".

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X