stampa
Dimensione testo
LE MOTIVAZIONI

Omicidio di un bracciante a Riesi, ridotta la condanna a Mirasola

di

Colpo di forbice alla condanna di un bracciante riesino che ha sparato al cugino ferendolo gravemente. È arrivato, dopo cinque passaggi in aula con il vaglio «bis» in Cassazione. Quello che alla fine, ora, ha cristallizzato la colpevolezza a carico del feritore che, con il suo avvocato al fianco, si è già costituito presentandosi al carcere "Malaspina".

È il bracciante quarantaseienne, Angelo Salvatore Mirisola (difeso dall'avvocato Antonio Impellizzeri) accusato di tentato omicidio e porto abusivo di pistola, per avere sparato all’indirizzo dell’operaio comunale quarantacinquenne Antonio Volpe con il quale è legato da rapporto di parentela. È per questioni personali che avrebbe fatto fuoco.

Al termine dell’appello "bis", nel settembre di due anni fa, è stato condannato a sei anni di reclusione. Ora la quinta sezione penale della Cassazione ha ulteriormente ridotto la pena a 5 anni e 8 mesi perché, come chiesto dalla difesa, è stata riconosciuta l’attenuante della provocazione.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X