stampa
Dimensione testo
OPERAZIONE "NUOVO MANDAMENTO"

Mafia, estorsioni e incendi a Caltanissetta: in 4 finiscono a processo

Dall’assalto a un supermercato a incendi, passando poi per una tentata estorsione. Anche se un paio di episodi sono stati stralciati per entrare in un altro filone processuale. C’è tutto questo nel gran calderone di un’in - chiesta, ribattezzata «Nuovo mandamento», che alla fine ha trascinato quattro imputati sotto accusa. Tre hanno scelto la via del rito ordinario, un collaboratore di giustizia, invece, ha poi optato per l’abbreviato.

E ieri sono stati chiamati alla sbarra, in ordinario, un presunto boss emergente, ormai ergastolano, il quarantunenne di San Cataldo, Cosimo Di Forte (difeso dagli avvocati Dino Milazzo e Martina Vurruso), il trentunenne di Sommatino, Liborio Gianluca Pillitteri (difeso dall’av vo c a t o Vincenzo Vitello) e il collaborante trentatreenne, originario di Butera, Giuseppe Taverna (assistito dall’av - vocatessa Vania Giamporcaro).

Ieri sono comparsi al cospetto del tribunale presieduto da Francesco Giovanni Maria D’Arrigo (a latere i giudici Simone Petralia ed Emanuela Carrabbotta) per rispondere, a vario titolo, di rapina, armi, incendi e tentata estorsione, con in più l'aggravante mafiosa, così come racconta Vincenzo Falci sulle pagine del Giornale di Sicilia oggi in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X