L'AGGRESSIONE

Preso a calci e pugni dal branco, un ragazzo in gravi condizioni a Gela

di

Pestato a sangue e ridotto in gravissime condizioni. Un ragazzo di soli 20 anni di Gela, da ieri è ricoverato all'ospedale Vittorio Emanuele dopo essere stato aggredito dal branco.

L'episodio di è verificato la notte fra venerdì e sabato, intorno alle 2, nel cuore del centro storico della città, davanti la chiesa Madre, di fronte a piazza Umberto I. Il ventenne, secondo una prima ricostruzione di quanto si è verificato, era seduto nelle scale della chiesa, quando è stato avvicinato.

In cinque lo avrebbero circondato e si sarebbero avvicinati a lui con la scusa di chiedere una sigaretta. Poco dopo è stato violentemente aggredito con calci e pugni. Una violenza inaudita. La vittima ha tentato di difendersi ma ciò nonostante è stata ridotta in condizioni terribili. Ad un certo punto, il ventenne sarebbe riuscito a fuggire e a rifugiarsi nella sua abitazione.

Ma a causa delle gravi ferite riportate, si è reso necessario l'intervento del 118 che ha provveduto al suo ricovero d'urgenza al "Vittorio Emanuele". Dopo le prime cure prestate dai medici del pronto soccorso, per il ragazzo si è reso necessario il ricovero. È stato anche sottoposto ad un intervento chirurgico. I medici si sono riservati la prognosi perché il giovane è in gravi condizioni.

Sull'episodio indagano gli agenti del commissariato di Gela.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X